cida esha Federazione Nazionale Dirigenti Funzione Pubblica
Associazione Nazionale Dirigenti
e Alte Professionalità della Scuola

L’Anp dice basta agli interventi unilaterali sulle retribuzioni

[09/01/2014] 

 

E’ appena di ieri il pasticcio sui 150 euro mensili, prima pretesi e poi "condonati” ai docenti. E mentre scriviamo non si sa ancora da dove saranno prelevate le risorse per evitare quel recupero. Se, come sembra, si metterà mano ancora una volta al MOF, di fatto questo risulterà azzerato.

E’ l’ennesima riprova della disinvoltura ed anche dell’arroganza con cui ormai il Ministero dell’Economia si muove rispetto alla retribuzione dei lavoratori della scuola: come se si trattasse di un’elargizione sovrana e non di somme contrattate sulla base di accordi bilaterali.

Non si tratta di casi sporadici o isolati. Da oltre sei mesi è aperta per i dirigenti scolastici una vertenza per certi versi simile a quella che riguarda docenti ed ATA. L’Ufficio Centrale di Bilancio (emanazione del MEF presso il MIUR) pretende unilateralmente di applicare al Fondo Unico Nazionale per la retribuzione di posizione e di risultato una modalità di calcolo non prevista da alcuna norma di legge, ma che risulta più penalizzante per la categoria di quella concordata al tavolo contrattuale, con la firma anche del MIUR. La conseguenza è che, se tale posizione sarà imposta con atto datoriale, i dirigenti scolastici rischiano di rimetterci oltre duemila euro annui a testa. Né va dimenticato che, in Sardegna ed in Campania, in esito ad analoghe precedenti vicende, recuperi erariali molto più pesanti sono già in atto da tempo.

L’Anp dice basta a queste prassi illegali e violente. E’ tempo di ricordare con chiarezza e con tutta la forza necessaria che i contratti hanno valore di norma e che non possono essere stracciati a piacimento di una delle parti. Nel caso specifico, poi, si vorrebbe sapere chi sia il "datore di lavoro” cui fare riferimento, visto che i contratti integrativi nazionali e regionali vengono firmati con uffici del MIUR, ma è poi il MEF che decide se ed in quale misura dar loro applicazione. Se siamo diventati dipendenti del MEF gradiremmo saperlo: almeno forse entreremmo a parte dei numerosi (ed intoccabili) privilegi di cui essi hanno finora goduto. Ma fino a quando siamo dipendenti di un Ministero meno fortunato economicamente, chiediamo che i patti che firmiamo con il nostro datore di lavoro vincolino anche l’Amministrazione dello Stato nel suo insieme.

Siamo stanchi di reiterare rimostranze verbali e passi istituzionali, come finora abbiamo fatto per senso di responsabilità e nella convinzione di essere anche noi rappresentanti dello Stato sul territorio. Se i patti sono pezzi di carta, non lo sono per una parte sola: e, se vi saremo costretti, siamo pronti a trarne tutte le conseguenze.

Share on Facebook

Vedi anche...