cida esha Federazione Nazionale Dirigenti Funzione Pubblica
Associazione Nazionale Dirigenti
e Alte Professionalità della Scuola

Piano anticorruzione e Piano trasparenza: esito dell'incontro al MIUR

[29/01/2014] 

Questa mattina si è tenuto il previsto incontro tra l'Amministrazione e le Organizzazioni sindacali rappresentative dell'area V in materia di obblighi relativi all'anticorruzione ed alla trasparenza.
Il MIUR era rappresentato dal Capo del Dipartimento per l'istruzione e dal Capo del Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali.
I rappresentanti del MIUR hanno riferito la posizione assunta dal Dipartimento per la Funzione Pubblica e dall'Autorità Nazionale Anticorruzione (già CIVIT) in merito alle osservazioni avanzate dall'Anp e da altre sigle sindacali circa la diretta applicabilità, alle istituzioni scolastiche, delle disposizioni normative che regolano le attività in materia di anticorruzione e trasparenza.
Per quanto riguarda il Piano Anticorruzione, risulta accolta integralmente la posizione espressa dall'Anp. Le scuole, pertanto, non dovranno predisporre un loro piano, né il dirigente scolastico sarà chiamato ad assumere la funzione di Responsabile.
Per quanto riguarda il Piano per la Trasparenza, sembra che l'ANAC non ritenga derogabile il contenuto letterale delle disposizioni di cui al d.lgs. 33/2013 e che, a suo parere, ogni scuola dovrebbe provvedere alla relativa redazione e approvazione, con conseguente attribuzione della funzione di Responsabile per la Trasparenza al dirigente scolastico.
La data ultima di adozione del Piano è, comunque, DIFFERITA AL 31 AGOSTO per le evidenti difficoltà applicative della norma e per consentire al MIUR di elaborare e diffondere un modello per facilitarne la redazione da parte delle istituzioni scolastiche.
Il MIUR diramerà ad horas un comunicato ufficiale per rendere note le sue decisioni.
In chiusura di riunione, l'Anp ha ribadito la sua ferma contrarietà in materia, basata sulle argomentazioni già rese note in varie occasioni.


Alla luce di quanto sopra, consigliamo a tutti i colleghi di rinviare ogni operazione relativa all'adozione del Piano per la Trasparenza per le seguenti ragioni:
(1) il differimento al 31 agosto del termine per l'adozione del Piano e la necessità di attendere le relative istruzioni del MIUR;
(2) il Piano per la Trasparenza deve essere armonizzato con quello Anticorruzione, da redigersi a cura del competente Ufficio scolastico territoriale, e deve quindi attendere la pubblicazione di quest'ultimo;
(3) l'Anp intende comunque riproporre la questione presso le sedi competenti.

Share on Facebook

Vedi anche...