cida esha Federazione Nazionale Dirigenti Funzione Pubblica
Associazione Nazionale Dirigenti
e Alte Professionalità della Scuola

Respinto dal Tribunale di Catanzaro un altro ricorso per comportamento antisindacale

[31/03/2011] 

Il giudice del lavoro di Catanzaro con decreto depositato il 22 marzo 2011 ha respinto il ricorso di un sindacato che aveva chiesto la condanna per comportamento antisindacale di un dirigente scolastico portato in giudizio per aver correttamente applicato le norme imperative previste dal D.Lgs. 165/2001, come modificato dal D.Lgs.150/2009.

Ne prendiamo atto. Si succedono le pronunce dei magistrati con alterni orientamenti in attesa che si possa consolidare l'indirizzo giurisprudenziale.

Non possiamo, però, non rilevare l'accanimento di certe OO.SS. nell'attacco ai presidi.

Ci sembra, infine, opportuno richiamare l'attenzione sugli interventi opinabili dell'Amministrazione centrale in materia di contrattazione. Non si può non concordare con il giudice quanto scrive: «Argomenti di segno contrario non si traggono dalla nota ministeriale dell'8.2.2011, prodotta dall'organizzazione sindacale ricorrente, che afferma la perdurante applicazione dell'art.6 del CCNL di comparto senza però fornire alcuna motivazione e, sopratutto, senza porsi il problema della compatibilità di siffatta affermazione con il dictum della legge, che, per le ragioni fin qui esposte, osta all'interveneto della contrattazione integrativa nelle materie che quell'articolo contempla».

Share on Facebook

Vedi anche...