cida esha Federazione Nazionale Dirigenti Funzione Pubblica
Associazione Nazionale Dirigenti
e Alte Professionalità della Scuola

Risposta del Governo all'interrogazione 5-12049 Coscia sul nuovo concorso per dirigenti scolastici.

[04/08/2017] 

Executive summary

CAMERA - Pervenuta ieri, 3 agosto, la risposta del Governo all'interrogazione 5-12049 Coscia: Sul nuovo concorso per dirigenti scolastici.

 

Analisi

Nella risposta, il Sottosegretario Toccafondi ha affermato che l'iter per la definizione dello schema di regolamento, la cui adozione è propedeutica all'emanazione del bando di concorso, sta per concludersi. 

Una volta acquisiti il visto e la registrazione da parte della Corte dei Conti, si potrà procedere alla pubblicazione del regolamento in Gazzetta ufficiale e quindi a bandire il corso-concorso, previa acquisizione dell'autorizzazione del Mef e della Funzione pubblica. In attesa della definizione del predetto iter, l'Amministrazione sta comunque predisponendo gli atti propedeutici all'avvio della procedura concorsuale, al fine di garantirne il celere espletamento. È intenzione del Ministero bandirlo per tutti i posti vacanti e disponibili nell'anno scolastico 2017/2018.

 

Fonte

Di seguito, il testo completo della risposta fornita dal Sottosegretario.

Come è noto, le procedure relative all'indizione e allo svolgimento del concorso a posti di dirigente scolastico sono state oggetto di recente modifica normativa. 

??L'articolo 1, comma 217, della cosiddetta legge di stabilità per l'anno 2016 ha difatti nuovamente trasferito la competenza relativa al corso-concorso per dirigenti scolastici dalla Scuola nazionale dell'amministrazione al MIUR, stabilendo che con decreto del Ministro fossero disciplinate le modalità di svolgimento della procedura concorsuale, la durata del corso e le forme di valutazione dei candidati ammessi. 

??L'Amministrazione ha, pertanto, dovuto predisporre uno schema di regolamento, la cui adozione è propedeutica all'emanazione del bando. 

??Il relativo iter di definizione sta per concludersi. Su detto schema di decreto si sono pronunciati già il Consiglio superiore della pubblica istruzione, nella seduta del 10 maggio 2017, e, successivamente, il Consiglio di Stato ha espresso parere favorevole, con osservazioni, nell'Adunanza del 22 giugno 2017. Allo stato è stata effettuata la comunicazione alla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi e sono in corso le ultime interlocuzioni. 

??Una volta acquisiti il visto e la registrazione da parte della Corte dei Conti, si potrà procedere alla pubblicazione del regolamento in Gazzetta ufficiale e quindi a bandire il corso-concorso, previa acquisizione dell'autorizzazione del Mef e della Funzione pubblica. In attesa della definizione del predetto iter, l'Amministrazione sta comunque predisponendo gli atti propedeutici all'avvio della procedura concorsuale, al fine di garantirne il celere espletamento. 

??È intenzione del Ministero bandirlo per tutti i posti vacanti e disponibili nell'anno scolastico 2017/2018, nonché per quelli che si renderanno tali nel successivo triennio, come specificato all'articolo 4 dello stesso schema di regolamento. Ciò consentirà di certo di eliminare l'annoso fenomeno delle reggenze.

 

Share on Facebook

Vedi anche...